in Economia

Non essere egoista, condividi: Share on Facebook1Tweet about this on TwitterShare on Google+0Email this to someone

In pochi ne parlano, molti la sottovalutano, ma da almeno due anni a Bologna sembra sia diventato impossibile trovare casa.

I gruppi su facebook sono bersagliati di centinaia di richieste, le code per le visite sono lunghissime e le agenzie non ha nulla a disposizione da dare in affitto.
Le cause sono molteplici.

  1. Negli ultimi tre anni Unibo ha visto un incremento di circa il 10% delle immatricolazioni; ergo più studenti.
  2. Philips Morris, Ducati e numerose altre aziende circostanti Bologna hanno avviato un’importante campagna assunzioni, ergo più lavoratori.
  3. I prezzi degli affitti non si sono ancora alzati.


L’ultimo fattore a mio avviso è molto importante da considerare. Per quanto possa sembrare “un diritto” l’avere un alloggio da fuori sede la realtà è che, nonostante tutto, vige il libero mercato. Se gli alloggi universitari non sono sufficenti sono i privati a dover fornire gli alloggi necessari, ma, se ai privati non conviene economicamente mi dispiace ma hanno assolutamente il diritto di fare quello che cazzo gli pare.
Nonostante la domanda infatti, i prezzi degli affitti non si sono ancora alzati a sufficenza da giustificare il dover mettere in affitto una stanza del proprio appartamento. La conseguenza è che chi affitta affitta immobili disabitati e non “prima casa” mentre chi invece potrebbe affittare una stanza del suo appartamento personale preferisce fare un B&B su AirBnB dal momento che è molto piu remunerativo, piuttosto che affittarla a studenti e prendersi un inquilino fisso.

Le poche stanza che rimangono disponibili, sono quindi soggette a vincoli esagerati: fideiussioni bancarie, garanzie genitori, buste paga, no erasmus, no matricole, no dams, no cani, no lega, no fumatori ecc ecc ecc chi più ne ha più ne metta.

 

Rispondi