in Blog

Non essere egoista, condividi: Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+4Email this to someone

Molfetta: Un imprenditore querela un suo ex collaboratore per averlo definito “bastardo” su facebook.
Torino: Un professore denuncia uno studente per averlo iscritto al social network a sua insaputa e per avergli attribuito perversioni imbarazzanti.
Colle Val d’Elsa: Una bidella chiede un risarcimento danni di migliaia di euro ad otto studenti per aver creato sul social network un gruppo contro di lei.

Ecco solo alcuni esempi di casi di diffamazione che hanno coinvolto utenti del più famoso social network mondiale.

Quando si può parlare di diffamazione?

L’inserimento di frasi offensive, battute pesanti, notizie riservate la cui divulgazione provoca pregiudizi, foto denigratorie o comunque la cui pubblicazione ha ripercussioni negative, anche potenziali, sulla reputazione della persona ritratta possono integrare gli estremi del reato di diffamazione, punito dall’art. 595 c.p.
E’ diffamatorio:
• creare il gruppo “Quelli che odiano il proprio capo bastardo” oppure “Quelli a cui sta antipatica la bidella cretina” ; le espressioni “bastardo” o “cretina” hanno una inequivoca carica offensiva;
• rivelare sulla propria o altrui bacheca che il collega di lavoro ha, ha una relazione extraconiugale con la segretaria;
• inserire la foto – come è accaduto – della propria ex fidanzata nuda o in atteggiamenti intimi.

Particolare attenzione merita il discorso della pubblicazione di foto; infatti non ci si può nemmeno difendere dicendo che comunque l’amico aveva consentito a che gli venisse scattata la foto. La Cassazione, anche recentemente ha precisato che il consenso ad essere ritratti non comporta il consenso a utilizzare le foto.

Per parlare di diffamazione l’offesa deve essere rivolta a un soggetto determinato o determinabile. Se si parla male di una persona senza far capire di chi si tratta non è reato. Ma per aversi diffamazione non è necessario mettere nome, cognome, generalità del diffamato: è sufficiente inserire riferimenti che consentano di rendere conoscibile la persona offesa o comunque attribuibile l’offesa ad una persona determinata.
Non è reato dire che i tassisti di Bologna sono dei ladri, perché l’offesa non è rivolta ad un soggetto determinato, invece rischia una denuncia il ragazzo che apre un gruppo del tipo ” I prof della 5B del Liceo Garibaldi di Pomezia sono delle teste di c…”.

Quali sono le pene previste?

Penalmente le conseguenze sono diverse a seconda che si parli di diffamazione semplice o aggravata.
Nel primo caso le pene sono più severe e possono prevedere la pena della reclusione da sei mesi a tre anni e fedina penale macchiata a tempo indeterminato.
In caso di diffamazione semplice sono previste pene pecuniarie (intorno ai 1.000 – 1.500 euro) e la fedina penale resterà macchiata solo per 5 anni.
Il vero problema non è però rappresentato tanto dalla pena (che il più delle volte viene condizionalmente sospesa), ma dai costi connessi al procedimento penale che più o meno sono gli stessi sia in tribunale che dal giudice di pace.
In caso di condanna occorre infatti:
• pagare il legale della parte civile (circa 2.000/2.500 euro);
• pagare il proprio legale
• pagare il risarcimento dei danni provocati alla parte lesa (diversamente quantificabili a seconda dell’entità dei medesimi).
Per una parola di troppo, si rischia di dover sborsare 10.000 euro senza nemmeno accorgersene.

Quindi cari facebookiani state attenti a ciò che scrivete!

Rispondi

125 Commenti

  1. salve, sono un web blogger ultimamente ho pubblicato un articolo che delineava i peggiori 3 ristoranti secondo le recensioni di tripadvisor . Dopo mezzo pomeriggio vengo minacciato dai proprietari dei 3 ristoranti e vogliono sporgere denuncia .In accordo con l’amministratrice marketing del web , abbiamo convenuto cancellare il testo , ed ho spiegato più volte che il testo si basava su recensioni tripadvisor principalmente.
    Dopo la cancellazione, possono denunciarmi ugualmente? il sito web può ricorrere a mia difesa e tutela tutti i canali di protezione? ( anche perché loro hanno dato l’ok alla pubblicazione) gRAZIE

    • Se hanno memorizzato il testo che ha cancellato (fotografato, salvato…) per poterlo impugnare ed usare come prova in tribunale, possono tranquillamente procedere con la denuncia.
      Il fatto è che come nella realtà prima di scrivere certe cose (che possono danneggiare qualcuno) è meglio pensarci 1000 volte; avrei migliaia di denunce se ogni volta che vedo un post nei social network volessi dire la mia. Maledetto tripadvisor, maledetto facebook, la gente che li usa ha troppa cattiveria ed invidia, nel lungo periodo produrranno solo danni e infelicità. Poveri lavoratori autonomi ci mancavano solo sti siti da pettegoli, dopo il fare impresa in un paese di ignoranti e criticoni burocrati.

  2. A me hanno fatto un prolungamento dei capelli riuscito male su FB posso far girare le foto con nome e cognome della persona opp è diffamante