in Salute

Non essere egoista, condividi: Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on Google+
Google+
0Email this to someone
email

Birra_schiuma_web--400x300Chi l’ha detto che la Birra fa male?

Secondo numerosi studi esposti al settimo simposio europeo “Beer and Health”,”la birra aiuterebbe a migliorare la memoria degli anziani e avrebbe un effetto protettivo nei confronti di molte patologie, dal diabete all’artrite reumatoide. E, soprattutto, di quelle cardiovascolari”.

La birra infatti contiene polifenoli ed è l’alimento che contribuisce maggiormente all’apporto di acido idrobenzoico, che ridurrebbe del 53% il rischio cardiovascolare.

Inoltre la birra riduce il rischio di formazione dei calcoli renali, riduce il rischio di sviluppare il morbo di Parkinson, aumenta il livello di ‘colesterolo buono’, contiene antiossidanti, contiene silicio, Vitamina B12 ed è una fonte di fibre.

Un altro mito da sfatare è quello che vuole la birra accusata di scatenare un aumento incontrollato di peso. Vanta infatti un contenuto calorico molto inferiore rispetto ad altre bevande alcoliche, 43 kcal per 100 ml per la birra con alcol e solo 17 kcal per 100 ml nel caso di quella senza alcol. La classica pancia non è dovuta quindi alla birra, ma alle abitudini alimentari.

Non solo, molti ricercatori hanno dimostrato che il consumo responsabile di birra è un modo per reidratarsi dopo sforzo fisico. La sua composizione e le sue caratteristiche organolettiche fanno si che la birra possa essere una buona bevanda per reintegrare i liquidi ed i sali minerali persi durante lo sforzo fisico: aminoacidi, minerali vari, vitamine del gruppo B e antiossidanti.

Quindi associata ad un’alimentazione accurata, e ad uno stile di vita sano, una birretta al giorno potete godervela in santa pace!

Rispondi