in Informatica

Non essere egoista, condividi: Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on Google+
Google+
0Email this to someone
email

Merry Christmas! The iOS 7 jailbreak has been released at evasion.com […]

– evad3rs

Merry 7th Jailbreak!

evasi0nAnticipando il Natale di tre giorni, il 22 Dicembre il team di evad3rs ha annunciato su twitter la pubblicazione della nuova versione di evasi0n, ormai storico tool per il jailbreak per i dispositivi dotati di iOS.

Con evasi0n7 il team regala l’agognato jailbreak untethered a tutti gli utenti iOS che hanno aggiornato il sistema all’ultima versione (fino alla versione 7.0.4).

Particolarità di questo regalo di Natale è l’allarme al “cavallo di troia” che ha scatenato ai quattro angoli del Web. Il perché di tanto rumore deriva dall’aggiunta del misconosciuto — almeno in occidente — TaiG, app store cinese installato a fianco del classico Cydia. Salvo la discutibile procedura d’installazione di TaiG, che si basa sull’accesso remoto al dispositivo, la cosa non ha destato tanto clamore, quanto il fatto che TaiG contenga, per la maggior parte, applicazioni piratate.

evad3rsPer la serie, “già che facciamo la fatica di evadere, arraffiamo un bel sacco pieno di dollaroni!”. Correndo ai ripari, il team di evad3rs ha pubblicato, ad una quindicina di ore dall’annuncio del tool, una lettera in cui affermano di aver stipulato un accordo con TaiG per la rimozione di contenti coperti da copyright e che non era nel loro interesse violare alcun diritto d’autore o favorire la pirateria.

Il Drago Rosso

taigMorale a parte, quel che emerge da tutta la faccenda è la forte influenza che la Cina sta esercitando sia in termini di utenti che di team di jailbreaker. La pubblicazione del tool ha colto impreparata la comunità, tanto che perfino Jay Freeman, creatore di Cydia, ha confermato la non ufficialità della versione del proprio store installata da evasi0n7.

A rincarare la dose ci ha pensato poi i0n1c, hacker di punta in campo jailbreak, affermando che il team di evad3rs avrebbe ricevuto 1 milione di dollari da TaiG stesso per accorciare i tempi di sviluppo del tool e — soprattutto — includere in esso l’installazione dell’omonimo app store. Accuse ovviamente rinviate al mittente da parte di evad3rs.

La fine della storia?

Nella data del 24 dicembre Jay Freeman — più nolente che volente — rilascia la versione 1.1.9 di Cydia che ora supporta iOS 7, anche se va detto che Mobile Substrate, il modulo che supporta l’installazione delle applicazioni alternative è ancora instabile.

Passa un giorno ed esattamente a Natale — Jingle Bells! — gli evad3rs rilasciano evasi0n 1.0.1 che rimuove TaiG (ed il già citato accesso remoto per l’installazione dello stesso) e che include la nuova versione di Cydia. I jailbreaker di mezzo mondo tirano un respiro di sollievo, anche se il consiglio, per ora, è di aspettare ad eseguire la procedura, in modo da dare tempo agli esperti di trovare eventuali bug e correggerli.

Rispondi