in Giornalismo

Non essere egoista, condividi: Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on Google+
Google+
0Email this to someone
email

Thank you & Goodbye. Grazie e addio. Così recita il titolo di copertina dell’ultimo numero del popolare giornale britannico News of the World.

Fondato nel 1843 ed ora di proprietà del magnate Rupert Murdoch News of the World è stato travolto dallo scandalo che vede coinvolti l’ex vice direttore del tabloid inglese nonchè numerosi giornalisti e dirigenti della testata.

Tutti accusati di essere venuti a conoscenza o addirittura di essere coinvolti nelle intercettazioni telefoniche abusive di calciatori, attori, persone comuni, nonché membri della famiglia reale per ottenere informazioni esclusive da pubblicare sul tabloid.

Un sistema illegale fatto di giornalisti spregiudicati, hacker, investigatori privati, poliziotti corrotti per ottenere informazioni strettamente riservate su politici, persone del mondo dello spettacolo, persone scomparse e addirittura famiglie di vittime di attentati terroristici o disastri naturali.

Uno scandalo che ha fatto fuggire investitori e lettori, determinando il crollo delle vendite e la chiusura del tabloid inglese dopo 168 anni di attività.

A News of the World non è rimasto altro che chiudere i battenti ricordando i successi del passato: oltre che una foto di gruppo della redazione ecco quindi una carrellata degli scoop più sensazionali ottenuti dal tabloid inglese, dalle scappatelle di Beckham al figlio segreto di Boris Becker.

E per un certo tipo di giornalismo, quello spregiudicato volto ad ottenere lo scoop ad ogni costo, quello scandalistico a base di sangue, sesso e volgarità sembra il momento di voltare pagina.

Rispondi